Il Regno Unito vuole creare una generazione senza fumo: cosa prevede il Tobacco and Vapes Bill

da | Apr 18, 2024 | news | 0 commenti

Plasmare una generazione smoke-free nel Regno Unito con la promessa di ridurre significativamente il numero di morti correlate al fumo. È questa la premessa di base del Tobacco and Vapes Bill, il provvedimento che ieri ha passato il primo step al Parlamento britannico e che rende illegale la vendita di prodotti a base di tabacco a chiunque sia nato dopo il 2009.

Che cosa prevede il Tobacco and Vapes Bill

Il Tobacco and Vapes Bill rientra in un piano più ampio che intende far raggiungere al Regno Unito lo status di Paese senza fumo entro il 2030 (dieci anni prima rispetto all’obiettivo UE).

Il progetto di legge è stato annunciato un anno fa da Rishi Sunak, il primo ministro britannico, e, se ratificato, introdurrebbe alcune delle normative anti-fumo più rigide al mondo. L’obiettivo è vietare la vendita di tabacco ai nati dopo il 1° gennaio 2009: i quindicenni di oggi (e quelli più giovani), quindi, non potranno mai acquistare legalmente tabacco nel Regno Unito.

Attualmente nel Paese, è illegale vendere sigarette o prodotti a base di tabacco a persone di età inferiore ai 18 anni. Questa legge dovrebbe entrare in vigore a partire dal 2027, proprio l’anno in cui i ragazzi nati nel 2009 compiranno 18 anni. L’età minima per l’acquisto aumenterà poi di un anno ogni anno fino a quando non sarà vietato per l’intera popolazione.

Il provvedimento comprende anche misure per contrastare il vaping tra i giovani: tra queste rientra anche il divieto di vendita di sigarette elettroniche usa e getta a basso costo e la restrizione dei loro aromi, al fine di prevenire la dipendenza dalla nicotina tra i più giovani.

Quali sono gli effetti del fumo sugli adolescenti

Il Tobacco and Vapes Bill promette una serie di effetti benefici sulla salute pubblica, specialmente per le generazioni future.

Limitare l’accesso al tabacco ai giovani rappresenterebbe un importante passo avanti nella prevenzione delle malattie correlate al fumo. La dipendenza dal tabacco, che spesso inizia proprio in adolescenza, porta tendenzialmente a gravi problemi di salute e alla morte prematura. La dipendenza di fatto toglie alle persone “la possibilità di scegliere”, dice il responsabile medico inglese Chris Whitty. Ecco perché si vuole stroncare il fenomeno sul nascere e interrompere questo circolo vizioso fin dalla radice, lavorando affinché nessun bambino o giovane nato dopo il 2009 possa legalmente acquistare sigarette nel Regno Unito.

Il divieto riguarda anche misure specifiche per reprimere il vaping giovanile, un fenomeno in preoccupante ascesa (solo negli ultimi due anni, la quantità di ragazzi tra gli 11 e i 17 anni che utilizzano i vaporizzatori usa e getta è aumentata di nove volte). L’effetto a lungo termine del vaping è ancora sconosciuto, ma sappiamo per certo che i vaporizzatori a base di nicotina creano dipendenza (e i sintomi di astinenza da nicotina sono ben noti: ansia, difficoltà di concentrazione e mal di testa).

Le voci dell’opposizione e dell’industria del tabacco

Gli oppositori del Tobacco and Vapes Bill sostengono che un divieto totale potrebbe essere controproducente, rendendo il fumo più desiderabile per i giovani e creando un mercato nero. Sottolineano piuttosto l’importanza di informare e rendere consapevoli i ragazzi, attraverso la creazione di programmi educativi.

Tuttavia, i sostenitori della legge sottolineano che concentrarsi su questi strumenti per dissuadere i giovani dal fumare potrebbe non essere sufficiente per contrastare efficacemente il problema. Le voci dell’opposizione sono state sostenute dall’industria del tabacco, che ha tentato di minimizzare gli effetti dannosi dei suoi prodotti e di mantenere un accesso facilitato per i consumatori.

Tag: salute

Post correlati