La fisica spiega perché il tempo passa più velocemente con l’avanzare dell’età – Tradotti per voi

da | Apr 19, 2024 | vivere green | 0 commenti

Lo scorrere del tempo è un fattore oggettivo o soggettivo? Mentre ci facevamo questa domanda sulla percezione del tempo, ci siamo imbattuti in questo interessante articolo sul sito “Quartz” che abbiamo scelto di tradurre per te e che parte da un premessa chiave: il tempo della mente e il tempo dell’orologio sono due cose totalmente diverse. Scorrono a velocità variabili.

Il passaggio cronologico delle ore, dei giorni e degli anni sugli orologi e sui calendari è un fenomeno costante e misurabile. Eppure la nostra percezione del tempo cambia costantemente, a seconda delle attività in cui siamo impegnati, della nostra età e anche di quanto riposiamo. Un articolo pubblicato sulla rivista “European Review” dal professore di ingegneria meccanica della Duke University Adrian Bejan, spiega la fisica dietro il cambiamento del senso del tempo e rivela perché gli anni sembrano volare man mano che invecchiamo.

Bejan è ossessionato dal flusso e, fondamentalmente, crede che i principi della fisica possano spiegare tutto. Ha scritto ampiamente su come i principi del flusso in fisica dettano e spiegano il movimento di concetti astratti, come l’economia. Nel 2018, ha vinto la medaglia Benjamin Franklin del Franklin Institute per “i suoi contributi interdisciplinari pionieristici… e per la teoria costruttiva, che prevede la progettazione naturale e la sua evoluzione nei sistemi ingegneristici, scientifici e sociali”.

Nel suo articolo esamina i meccanismi della mente umana e come questi si relazionano alla nostra comprensione del tempo, fornendo una spiegazione fisica per la nostra percezione mentale che cambia con l’avanzare dell’età.

L’occhio della mente: come cambia la percezione del tempo

Secondo Bejan, che per raggiungere la sua conclusione ha esaminato studi precedenti in una serie di campi su tempo, visione, cognizione ed elaborazione mentale, il tempo come lo viviamo rappresenta i cambiamenti percepiti negli stimoli mentali. È legato a ciò che vediamo. Man mano che il tempo di elaborazione fisica delle immagini mentali e la rapidità delle immagini che acquisiamo cambiano, cambia anche la nostra percezione del tempo. E in un certo senso, ognuno di noi ha il proprio tempo mentale non correlato allo scorrere delle ore, dei giorni e degli anni su orologi e calendari, che è influenzato dalla quantità di riposo che riceviamo e da altri fattori.

Bejan è la prima persona a osservare il passaggio del tempo attraverso questa particolare lente, dice a “Quartz”, ma le sue conclusioni si basano sulle scoperte di altri scienziati che hanno studiato i processi fisici e mentali legati al passaggio del tempo.

Questi cambiamenti negli stimoli ci danno il senso del passaggio del tempo. Lui scrive:

Il presente è diverso dal passato perché è cambiata la visione mentale, non perché suona l’orologio di qualcuno. Il tempo dell’orologio che unisce tutti i sistemi di flusso vivo, animati e inanimati, è misurabile. Il periodo giorno-notte dura 24 ore su tutti gli orologi, orologi da parete e campanili. Tuttavia, il tempo fisico non è tempo mentale. Il tempo che percepisci non è lo stesso tempo percepito da un altro.

Il tempo scorre negli occhi della mente. È legato al numero di immagini mentali che il cervello incontra e organizza e allo stato del nostro cervello con l’avanzare dell’età. Quando invecchiamo, la velocità con cui vengono percepiti i cambiamenti nelle immagini mentali diminuisce a causa di diverse caratteristiche fisiche in trasformazione, tra cui la vista, la complessità del cervello e, più avanti nella vita, il degrado dei percorsi che trasmettono le informazioni. E questo cambiamento nell’elaborazione delle immagini porta alla sensazione di accelerazione del tempo.

Questo effetto è legato al movimento saccadico degli occhi. Le saccadi sono movimenti oculari inconsci, simili a scatti, che si verificano alcune volte al secondo. Tra le saccadi, i tuoi occhi si fissano e il cervello elabora le informazioni visive che ha ricevuto. Tutto ciò avviene inconsciamente, senza alcuno sforzo da parte tua. Nei neonati umani, questi periodi di fissazione sono più brevi che negli adulti.

Esiste una relazione inversamente proporzionale tra l’elaborazione degli stimoli e la sensazione del tempo che scorre, dice Bejan. Quindi, quando sei giovane e provi molti nuovi stimoli – tutto è nuovo – il tempo sembra effettivamente passare più lentamente. Man mano che si invecchia, la produzione di immagini mentali rallenta, dando la sensazione che il tempo passi più rapidamente.

La fatica influenza anche le saccadi, creando sovrapposizioni e pause in questi movimenti oculari che portano a segnali incrociati. Il cervello stanco non riesce a trasferire le informazioni in modo efficace quando cerca contemporaneamente di vedere e dare un senso alle informazioni visive. È progettato per fare queste cose separatamente.

Questo è ciò che porta alle scarse prestazioni degli atleti quando sono esausti. Le loro capacità di elaborazione vengono confuse e il loro senso del tempo viene meno. Non possono vedere o rispondere rapidamente a nuove situazioni.

Un altro fattore nel passaggio percepito del tempo è il modo in cui si sviluppa il cervello. Man mano che il cervello e il corpo diventano più complessi e ci sono più connessioni neurali, i percorsi attraverso i quali viaggiano le informazioni diventano sempre più complicati. Si ramificano come un albero e questo cambiamento nella lavorazione influenza la nostra esperienza del tempo, secondo Bejan.

Infine, il degrado del cervello dovuto all’invecchiamento influenza la percezione. Gli studi sui movimenti oculari saccadici negli anziani mostrano, ad esempio, periodi di latenza più lunghi. Il tempo in cui il cervello elabora le informazioni visive si allunga, il che rende più difficile per gli anziani risolvere problemi complessi. Vedono più lentamente ma sentono che il tempo passa più velocemente, sostiene Bejan.

Una vita da misurare

Bejan si interessò a questo argomento più di mezzo secolo fa. Da giovane atleta di una prestigiosa squadra di basket rumena, ha notato che il tempo rallentava quando riposava e che questo gli permetteva di ottenere prestazioni migliori. Non solo, poteva prevedere le prestazioni della squadra in una partita in base all’ora del giorno in cui era stata programmata. Dice a “Quartz”:

Le prime partite, alle 11, erano mediocri, assassine; i giochi pomeridiani e serali erano decisamente migliori. Alle 11 eravamo sonnambuli, non importa cosa faceva ognuno di noi durante la notte. È diventato così chiaro per me che sapevo già all’inizio della stagione, quando è stato annunciato il programma, quali partite sarebbero state brutte. Le partite in trasferta, dopo lunghi viaggi e il cattivo sonno erano scarse, le partite in casa erano migliori, per lo stesso motivo. Inoltre, ho avuto un grande allenatore che predicava costantemente che il primo dovere del giocatore è dormire regolarmente e bene e vivere pulito.

Ora ha sperimentato come cambia il tempo mentale nell’arco di un periodo molto più lungo della sua intera vita. “Negli ultimi 20 anni ho notato come il mio tempo sta scivolando via, sempre più velocemente, e come mi lamento di avere sempre meno tempo”, dice. È un sentimento che sente echeggiare in molti intorno a lui.

Tuttavia, osserva, non siamo del tutto prigionieri del tempo. Gli orologi continueranno a ticchettare rigorosamente, i giorni scorreranno sul calendario e gli anni sembreranno volare sempre più velocemente. Seguendo il consiglio del suo allenatore di basket – dormire bene e vivere pulito – Bejan dice che possiamo alterare le nostre percezioni. Questo, in un certo senso, rallenta il tempo della mente.

Puoi leggere qui l’articolo originale da cui è stato tradotto questo contenuto.

Tag: scienza

Post correlati