Come fare il “sorriso del gatto” e far innamorare i gatti di te – Tradotti per voi

da | Mar 1, 2024 | pets, vivere green | 0 commenti

Il modo migliore per comunicare il nostro amore al nostro micio è imitarlo in quello che gli scienziati chiamano il sorriso del gatto. Copiare la sua caratteristica espressione con le palpebre parzialmente abbassate, accompagnata da un lento battito di ciglia, ci permetterà di entrare in perfetta sintonia con lui.

Uno studio ha rilevato che i gatti accolti con un movimento “di restringimento degli occhi” – lo slow blinking – più probabilmente restituivano un’espressione simile ai loro proprietari (o anche agli estranei), rispetto a quando non si interagiva con loro in alcun modo o lo si faceva con uno sguardo neutro. I gatti nello studio sembravano anche più propensi ad avvicinarsi agli estranei che stringevano lentamente le palpebre. I risultati, sostengono gli autori, indicano che sbattere le palpebre lentamente può aiutare le persone a stabilire una “comunicazione emotiva positiva” con i felini.

L’effetto del sorriso del gatto

Alcuni ricercatori nel Regno Unito hanno reclutato dozzine di gatti domestici con una vista sana per una serie di esperimenti.

Nel primo esperimento, sono stati testati nelle loro case 21 gatti appartenenti a 14 proprietari. Ai proprietari è stato insegnato come fare il sorriso del gatto, con le palpebre semichiuse, “seguito da un’occhiata prolungata o una chiusura degli occhi”.

I proprietari, quindi, posizionati a meno di un metro di distanza dai loro gatti, sono stati divisi in due gruppi: o evitavano di interagire con i gatti oppure eseguivano la sequenza di slow blinking. L’esperimento ha rilevato che i gatti erano significativamente più propensi a stringere gli occhi di fronte ai proprietari che eseguivano il sorriso del gatto evitando di farlo invece nell’altro caso (solo pochi gatti chiudevano completamente gli occhi in entrambe le condizioni, quindi non era possibile notare differenze in quel caso).

Un secondo esperimento, condotto con altri 24 gatti non utilizzati nel primo, presentava la stessa impostazione di base ma con uno sconosciuto al posto del proprietario. Anche questa volta, i gatti erano più propensi ad avvicinarsi allo sconosciuto dopo lo slow blinking rispetto a quando lo sconosciuto faceva una espressione neutra senza contatto visivo.

Lo slow blinking per creare un’interazione con i gatti

L’idea che il battito lento delle palpebre sia una via d’accesso al cuore di un gatto non è certo una novità, ed è stata a lungo un suggerimento aneddotico offerto da famosi comportamentisti felini e altri fan dei gatti. Scientificamente, è noto che gli animali domestici come cani, cavalli e alcuni animali rispondono ai segnali facciali umani. 

Sebbene i gatti non siano esteriormente amichevoli con i loro proprietari quanto i cani, stanno iniziando ad emergere nuove prove secondo le quali anche i felini riescono a sviluppare una relazione sociale espressiva con gli esseri umani. Ma secondo gli autori, gli esperimenti sopra spiegati sarebbero la prima prova sperimentale che suggerisce che sbattere le palpebre lentamente può avere un effetto rilassante sul modo in cui i gatti interagiscono con gli esseri umani. La prova maggiore di questo starebbe nel fatto che i gatti sono apparsi più inclini ad avvicinarsi a un estraneo in grado di fare il sorriso del gatto.

“Abbiamo dimostrato che le interazioni con il battito lento delle palpebre sembrano essere un’esperienza positiva per i gatti e possono essere un indicatore di emozioni positive”, hanno spiegato i ricercatori.

Perché ai gatti piace vederci sbattere lentamente le palpebre?

Meno certo è il motivo per cui ai gatti piace vederci sbattere lentamente le palpebre. 

Una teoria è che i gatti rispondano allo slow blinking solo perché possono percepire che i loro proprietari, in passato, hanno già risposto positivamente a questo comportamento. In altre parole, potrebbero gradirlo solo perché ci amano. Questa spiegazione è poco probabile, secondo gli autori, poiché lo stesso modello di base si è verificato anche quando a fare il sorriso del gatto negli esperimenti era stato uno sconosciuto.

È possibile che ci sia qualcosa in questo comportamento che rassicura il felino. Dato che si ritiene che i gatti percepiscano uno sguardo diretto e prolungato dagli altri come minaccioso, la sequenza di slow blinking potrebbe voler significare che la situazione non è tesa.

Qualunque sia la spiegazione, gli autori affermano che si tratta di un’ulteriore prova del fatto che i gatti possono davvero apprezzare la presenza degli esseri umani

Tuttavia, aggiungono, “sarebbero necessarie ulteriori ricerche prima di giungere a conclusioni definitive sullo stato emotivo associato al sorriso del gatto e la relativa risposta”. In effetti, anche se sbattere le palpebre lentamente si rivela un modo pratico per ricambiare il sorriso al tuo gatto, potrebbero esistere alcuni gatti che semplicemente non rispondono, proprio come esistono delle antipatie nei rapporti tra esseri umani.

Puoi leggere qui l’articolo originale da cui è stato tradotto questo contenuto.

Post correlati

Cosa devi sapere sul ragno violino

Cosa devi sapere sul ragno violino

Il ragno violino, Loxosceles rufescens, è di piccole dimensioni e un aspetto apparentemente innocuo, ma può essere estremamente pericoloso. Ecco cosa sapere.