Torna il Festival dello Sviluppo Sostenibile

da | Mag 5, 2023 | ambiente, climate change, greenwashing, inquinamento, news, politica | 0 commenti

Mancano pochi giorni all’inizio della settima edizione del Festival dello Sviluppo Sostenibile, che si svolgerà dall’8 al 24 maggio. Quest’anno, l’iniziativa – che si potrà seguire online – sarà itinerante e farà tappa a Napoli, Bologna, Milano, Torino e Roma.

Il messaggio di questa edizione è La sostenibilità tiene acceso il futuro: quello che oggi ci permette di guardare al domani è proprio la sostenibilità, il nostro fare di oggi per il nostro essere di domani. Tutti – società civile, giovani, imprese, accademici e istituzioni – sono chiamati a rispettare questo impegno.

Scopriamo di più sull’edizione 2023 del Festival dello Sviluppo Sostenibile.

Che cos’è il Festival dello Sviluppo Sostenibile

Riconosciuto dalle Nazioni Unite come manifestazione innovativa e unica a livello internazionale, il Festival dello Sviluppo Sostenibile è un’iniziativa finalizzata a sensibilizzare e mobilitare i cittadini, ma anche imprese, associazioni e istituzioni sui temi legati alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Obiettivo della manifestazione promossa da ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile) è infatti quello di consolidare una cultura della sostenibilità e avviare un cambiamento strutturale sulla base dei 17 obiettivi di Sviluppo Sostenibile, riportati nell’Agenda 2030.

Negli anni sono stati organizzati oltre 4500 eventi tra convegni, seminari, workshop, mostre, spettacoli, documentari: iniziative curate dall’ASviS, ma anche proposte dalla società civile. Chiunque voglia contribuire al percorso verso lo sviluppo sostenibile del nostro Paese può organizzare un evento e proporlo all’associazione.

L’iniziativa ha risonanza anche internazionale: grazie alla collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, le sedi diplomatiche italiane coinvolte all’estero possono diffondere i messaggi della manifestazione.

L’edizione 2023

Il Festival quest’anno si inserisce in uno scenario particolare: mancano solo 7 anni all’obiettivo 2030 indicato dalle Nazioni Unite e quello appena trascorso è stato un anno difficile, all’insegna della guerra e della crisi energetica, con gli strascichi di una pandemia globale. Inoltre la Cop27 che si è tenuta a novembre 2022 non ha segnato significativi passi in avanti per la riduzione dei gas serra e per l’accelerazione del processo di abbandono dei combustibili fossili. Il 2023 sarà un anno cruciale per il nostro Paese e per il mondo.

Per la sua settima edizione, il Festival avrà quindi un format innovativo: sarà itinerante per dare ai diversi territori un ruolo da protagonista nel percorso verso lo sviluppo sostenibile dell’Italia.   

In particolare, il Festival si svolgerà:

  • dall’8 al 10 maggio a Napoli, in cui gli eventi si concentreranno sulle tematiche del Sud, delle disuguaglianze e in generale del pilastro sociale dell’Agenda 2030;
  • dall’11 e al 14 maggio a Bologna, si parlerà del pilastro ambientale dell’Agenda 2030 e in particolare del rapporto tra città e clima;
  • dal 15 al 17 maggio a Milano, con un focus su imprese, finanza e in generale sugli aspetti economici dello sviluppo sostenibile;
  • dal 18 al 22 maggio a Torino, durante il Salone del Libro, si rifletterà sul mondo della cultura e sul suo ruolo per migliorare la conoscenza e la consapevolezza dei temi dello sviluppo sostenibile presso l’opinione pubblica e i diversi stakeholder;
  • il 23 e 24 maggio a Roma, si approfondirà le tematiche istituzionali, consegnando poi i risultati del Festival durante l’evento conclusivo presso l’Aula dei Gruppi della Camera dei Deputati.

Oltre alle iniziative principali nelle città, si aggiungono eventi di diverso tipo, come conferenze, workshop, presentazioni di libri, spettacoli e altro, in cui si discuterà delle tematiche legate agli Obiettivi dell’Agenda 2030 assieme ad altri temi caldi, come innovazione, economia, società e politica.

Tag:

Post correlati