Aprile 2024 è il più caldo mai registrato: il nuovo aggiornamento del Copernicus

da | Mag 8, 2024 | news | 0 commenti

Nuovo bollettino, nuovo record: aprile 2024 è il più caldo mai registrato e, per la prima volta, è stato superato il limite di 1,5°C.

I dati emergono dal nuovo aggiornamento del Copernicus Climate Change Service, il programma europeo di monitoraggio del cambiamento climatico, che ogni mese riporta i cambiamenti registrati a livello globale nella temperatura superficiale dell’aria e del mare, nella copertura del ghiaccio marino e nelle variabili idrologiche.

Informazioni chiave dal bollettino

Ecco una serie di punti dell’aggiornamento del Copernicus:

  • Aprile 2024 è stato il più caldo a livello globale mai registrato, con una temperatura media superficiale dell’aria di 15,03°C, ovvero 0,67°C sopra la media per il periodo 1991-2020 per aprile e 0,14°C sopra il precedente record stabilito nell’aprile 2016.
  • È lundicesimo mese consecutivo in cui la temperatura supera il record per il rispettivo mese dell’anno (una serie simile di record mensili si era già verificata nel 2015/2016).
  • La stima della temperatura globale è di 1,58°C in più rispetto alla media preindustriale del periodo 1850-1900.
  • Anche l’Europa registra una temperatura complessiva significativamente superiore alla media, con la maggior parte delle regioni europee al di sopra della media.
  • Fuori dall’Europa, diverse parti del mondo hanno registrato temperature record: Nord America settentrionale e nordorientale, la Groenlandia, l’Asia orientale, il Medio Oriente nordoccidentale, parti del Sud America e gran parte dell’Africa.
  • Nonostante l’indebolimento di El Niño verso condizioni neutre, le temperature dell’aria marina sono rimaste a livelli insolitamente alti.
  • La temperatura media globale della superficie del mare per aprile 2024 è stata la più alta mai registrata per il mese e questo è stato il tredicesimo mese consecutivo di record per la temperatura della superficie del mare.

Cosa è successo negli ultimi 12 mesi

Guardando la situazione nel lungo periodo, il bollettino sottolinea che la temperatura media globale degli ultimi 12 mesi è la più alta mai registrata, con un aumento di 0,73°C sopra la media del periodo 1991-2020 e di 1,61°C sopra la media preindustriale del periodo 1850-1900.

Le temperature medie degli ultimi 12 mesi risultano al di sopra della media del periodo 1991-2020 nella maggior parte del globo, compresa gran parte dell’Europa, raggiungendo temperature record in Canada nordorientale, Asia occidentale e parti del Sud America, dell’Africa e dell’Antartide. Sotto la media invece in Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia.

Le temperature dei mari rimangono ben sopra la media nell’area attorno all’Antartide e nel settore europeo dell’Artico, e su gran parte del Pacifico settentrionale, parte del Pacifico meridionale, dell’Atlantico e dell’Oceano Indiano sudoccidentale. El Niño ha condizionato molto le temperature nel Pacifico equatoriale orientale.

Post correlati