Matrimonio green: idee e consigli per un evento sostenibile

da | Ago 31, 2023 | I consigli di managaia.eco, vivere green | 10 commenti

Sostenibilità e grandi eventi spesso non vanno d’accordo: eppure organizzare un matrimonio green ed ecocompatibile è possibile.

Cresce la voglia di sposarsi: secondo i dati Istat 2022, rispetto al precedente anno, i matrimoni sono aumentati del 4.8%, con capofila i matrimoni civili (+10.8%). Ma la tendenza che sta prendendo sempre più piede per il giorno delle nozze è la visione green. Sono sempre di più infatti le coppie di sposi che scelgono di organizzare un matrimonio green.

Un matrimonio medio di circa 100 invitati, genera circa 7.5 tonnellate di Co2 (dati elaborati da Focus). Numeri da far rabbrividire! A maggior ragione se poi si pensa che si tratta di una sola giornata…

Oltre a strizzare l’occhio all’ambiente, gli eco-wedding sono più personalizzati e vedono un maggiore coinvolgimento degli sposi durante tutte le fasi di progettazione e organizzazione delle nozze.

Un matrimonio può essere sostenibile al 100%, dalle partecipazioni al viaggio di nozze. Vediamo insieme come organizzare un matrimonio green.

Partecipazioni e inviti

Basta con le solite buste e i cartoncini. La tecnologia ci viene in grande aiuto. Ci sono tantissimi programmi con cui poter realizzare degli inviti personalizzati da spedire poi via posta elettronica. E per raccogliere le adesioni, una bella idea potrebbe essere quella di realizzare un sito del matrimonio green o un gruppo WhatsApp.

Per gli irriducibili tradizionalisti, che alla carta proprio non vogliono rinunciare, puntare sulla carta riciclata.

Location e menù

Anzitutto, è bene scegliere di sposarsi nella bella stagione e, preferibilmente, optare per la cerimonia di mattina con pranzo e ricevimento pomeridiano. In questo modo, si sfrutterà appieno la luce solare.

Per la location, cercare un luogo che sia abbastanza vicino al luogo dove si svolge la cerimonia, magari da raggiungere a piedi con un bel corteo di tutti gli invitati. In alternativa, organizzare un trasporto collettivo.

Le cerimonie civili si prestano per essere celebrate nella stessa location dove poi avrà luogo la festa.

Per quanto riguarda la tipologia di location, restano sempre in auge gli agriturismi, ma la tendenza punta anche verso soluzioni inusuali riadattate immerse nella natura: serre, fattorie, vigneti…

Per il banchetto, scegliere un menù prettamente stagionale e a base di prodotti a Km0. Per quanto possibile, evitare o limitare la carne. In ogni caso, evitare gli eccessi e l’inutile abbondanza. Tra l’altro, non vanno più di moda i pranzi con 10-12 portate in cui si sta seduti a tavola per ore e ore. Così facendo, si eviteranno anche inutili sprechi di cibo.

Addobbi floreali e servizio fotografico

Come per il menù, anche per i fiori vale il discorso della stagionalità. Scegliere fiori di stagione (decisamente più economici), magari affiancati da piante in vaso, che possono poi essere donate agli ospiti come ricordo. Vanno di moda le piante di agrumi e quelle aromatiche.

Anche le foto possono essere sostenibili. Con smartphone e fotocamere digitali ormai si fanno foto meravigliose e si può limitare l’uso della carta stampando solo le foto del cuore.

Fedi e abito nuziale

Le fedi del matrimonio hanno un valore particolare e molto profondo. Sono il simbolico suggello dell’amore che, in teoria, gli sposi indosseranno per tutta la vita. Ci sono modelli in oro riciclato o in oro acquistato attraverso il mercato dei prodotti equi e solidali.

Per quanto riguarda gli abiti, sia per lo sposo che per la sposa, scegliere modelli in tessuti naturali, come lino, canapa o cotone biologico. L’ideale sarebbe poi optare per abiti riutilizzabili anche in altre occasioni. È proprio un grave spreco acquistare un capo per indossarlo una sola giornata!

In base allo stile della cerimonia, si può anche scegliere abiti vintage, da acquistare presso un mercatino dell’usato. La sposa eco-friendly molto legata alla famiglia e alle tradizioni può anche decidere di indossare l’abito da cerimonia della mamma o della nonna, facendolo riadattare da una brava sarta.

Bomboniere

Per quanto riguarda le bomboniere eco sostenibili, non c’è che l’imbarazzo della scelta.  Ampia è la gamma di bomboniere viventi (piante grasse, bonsai, fiori stabilizzati…) così come molto ricca è pure la gamma delle bomboniere enogastronomiche (vasetti di miele o confetture, bottiglie di olio, vino o liquore, cioccolatini…).

Volendo puntare sull’oggettistica, è bene pensare a qualcosa di utile e di artigianale, come saponette, set da bagno, candele in cera di soia e prodotti locali.

Altre idee di bomboniere sostenibili possono essere dei semini da piantare e delle gift card per viaggi green. Originalissime le adozioni a distanza di piante, alveari e animali.

Sempre utile e apprezzata dagli invitati l’idea delle bomboniere solidali, destinando la cifra per le bomboniere a un’associazione no profit o a una ONG impegnate in cause che stanno particolarmente a cuore ai novelli sposi.

Viaggio di nozze eco-friendly

Finita la grande festa e lasciatosi alle spalle lo stress dei preparativi, per gli sposi è giunto il momento di godersi una riposante e romantica luna di miele.

Sicuramente, gli sposi eco-friendly vorranno fare un viaggio poco impattante sull’ambiente. Optare quindi per viaggi di turismo responsabile e per soluzioni con alloggi eco sostenibili: eco-camp, casa sull’albero, hotel a impatto zero.

Tag: how to

Post correlati