Via gli insetti dall’orto: ecco quali piante dovresti scegliere

da | Apr 18, 2024 | casa, vivere green | 0 commenti

Ricorrere alle piante che scacciano gli insetti dall’orto rappresenta una strategia valida per ottenere un raccolto rigoglioso, senza ricorrere a pesticidi di sintesi. Questi ultimi, oltre ai possibili rischi per la salute, rientrano infatti fra le prime cause di inquinamento del suolo e delle falde acquifere. Ma quali specie scegliere, per ridurre la fastidiosa presenza di parassiti e insetti dal proprio piccolo campo coltivato?

In natura esistono molte tipologie di piante, alcune anche molto comuni, dal comprovato effetto repellente contro gli ospiti sgraditi dell’orto. La loro azione è però variabile e dovrebbe essere sempre abbinata ad altri metodi, ecologici e naturali, come la lotta biologica integrata – ad esempio, favorendo la presenza di coccinelle – oppure rimedi a bassissimo impatto quali l’olio di neem e il sapone molle potassico.

Le piante aromatiche che combattono gli insetti

Rosmarino

Una buona prima linea di difesa è rappresentata dalle piante aromatiche: oltre a tenere alla larga insetti fastidiosi, sono perfette da coltivare per le tante necessità in cucina. Il profumo tipico di queste piante, unito alle essenze che le foglie rilasciano, risulta particolarmente sgradito a una lunga varietà di parassiti diffusi in agricoltura.

Ma come orientarsi nella scelta delle aromatiche da coltivare? Oltre alle necessità alimentari, basta prendere in considerazione la loro efficacia:

  • menta, basilico e rosmarino risultano mediamente efficaci contro gli insetti volanti, in particolare moscerini, mosche e zanzare, ma anche alcuni ghiotti coleotteri, come il maggiolino;
  • la salvia è invece efficace contro nottue e bruchi, noti per distruggere intere coltivazioni in pochissimo tempo;
  • timo e assenzio tengono lontani afidi, mosca del cavolo e formiche;
  • aneto e finocchio attirano invece coccinelle e farfalle, la prima linea di contrasto agli afidi, di cui entrambe le specie sono molto ghiotte;
  • il prezzemolo attira gli insetti impollinatori, come api e vespe, che possono essere utili contro afidi, cocciniglie e ragnetto rosso;
  • aglio, cipolla ed erba cipollina, infine, hanno un’azione ad ampio raggio contro una vasta quantità di insetti, sia volanti che striscianti.

Le piante ornamentali che scacciano gli insetti

Oltre alle già citate aromatiche, per mantenere l’orto il più possibile protetto da insetti e parassiti dannosi, si può ricorrere a un nutrito gruppo di piante ornamentali. Queste varietà possono essere coltivate direttamente nell’orto, ad esempio intervallando ortaggi a fiori, oppure lungo il perimetro dello stesso campo coltivato, così da creare una barriera vegetale contro gli ospiti sgraditi.

Allium ornamentale, colore e protezione

Allium ornamentale

Parente strettissimo del classico aglio da cucina, l’Allium ornamentale è una splendida pianta, dai fiori eleganti e molto appariscenti. È perfetta per decorare i giardini estivi, ma anche balconi e terrazze, e inoltre presenta una particolarità non da poco: tiene a debita distanza la maggior parte degli insetti volanti

Può essere facilmente coltivata lungo il perimetro dell’orto o, ancora, alternandola alle verdure a foglie verde, quelle normalmente più soggette all’azione dei parassiti e insetti. La sua fioritura a ombrello, di intenso colore lilla, riempirà inoltre l’area coltivata di un gradevole profumo.

Citronella, la regina delle repellenti

La citronella non ha di certo bisogno di troppe presentazioni, poiché una delle piante più utilizzate per difendersi dalla fastidiosa azione delle zanzare. Tuttavia, questa specie è utile anche contro altre tipologie d’insetto, come le mosche, le mosche del cavolo, i moscerini e diverse tipologie di coleottero.

Data la sua natura cespugliosa, può essere coltivata lungo i bordi dell’orto, tenendo però presente anche le sue necessità di irrigazione e il bisogno di una buona esposizione solare.

Geranio, uno dei più efficaci contro gli insetti

Geranio contro gli insetti

Anche il geranio è una pianta ben conosciuta per le sue proprietà deterrenti nei confronti di una grande varietà di insetti, in particolare quelli volanti. Merito del suo particolarissimo aroma che, a dir il vero, non sempre è gradito da tutti.

Amante della buona esposizione solare – non a caso, si tratta di una varietà ornamentale perfetta per i balconi – può essere utilissimo nell’orto, anche per difendersi da alcuni insetti particolarmente dannosi: le cavallette e i grilli.

Lavanda, protezione fino in autunno

La lavanda rappresenta da sempre uno dei rimedi naturali più diffusi per tenere alla larga larve e insetti dannosi per gli indumenti, non a caso le inflorescenze vengono raccolte in sacchettini, da custodire negli armadi o nei cassetti. Queste proprietà valgono anche in orto, in particolare la pianta rende difficile lo sviluppo delle larve di insetti e tiene alla larga afidi e cocciniglie.

Data la natura cespugliosa, è perfetta per la bordatura del campo coltivato, soprattutto nei periodi estivi. E, in presenza di un clima favorevole e di una buona esposizione al sole, garantirà una profumata fioritura fino all’autunno inoltrato.

Nasturzio, un potente deterrente per gli insetti

Nasturzio contro gli insetti

Tra tutte le piante ornamentali, una delle più efficaci contro l’azione di insetti e parassiti è sicuramente il nasturzio. Produce infatti alcune sostanze, tra cui degli oli essenziali, particolarmente sgraditi da altiche, cavolaie, afidi, cocciniglie, coleotteri e bruchi. Al contempo, attira invece gli impollinatori, le coccinelle e le farfalle: tutti alleati per la crescita vigorosa degli ortaggi.

È però necessario sottolineare che il nasturzio, se accidentalmente ingerito, potrebbe essere dannoso per gli animali domestici. Quindi non è la soluzione indicata per chi non può approfittare di un orto recintato, per evitare il rischio che cani e gatti si avvicinino troppo.

Erba gatta, nemica delle specie dannose

L’erba gatta – conosciuta anche come Nepeta cataria – è una delle piante più note per le sue proprietà anti-insetti, in particolare per le specie succhiatrici di linfa o nettare, dannosissime per le piante a foglie verde o da frutto.

Questa pianta è nota ai più per il suo effetto inebriante sui gatti e, in genere, su tutti i felini. Un principio attivo, il nepetalattolo, causa l’alternanza di stati di euforia e di calma nei nostri amici felini, una vera e propria ubriacatura. Per quanto sia sostanzialmente innocua, è meglio coltivarla negli orti recintati, anche per evitare che attiri i quadrupedi che potrebbero inavvertitamente danneggiare gli ortaggi.

Calendula, l’aiuto contro le zanzare

La calendula, i cui estratti sono decisamente noti per le loro proprietà lenitive e cicatrizzanti per la pelle, con il suo profumo risulta particolarmente sgradita agli insetti volanti, in particolare alle zanzare, alle mosche e ai moscerini.

Nell’orto può quindi rappresentare un valido alleato, soprattutto per la creazione di colorate e profumate barriere vegetali sul perimetro dell’area coltivata.

Nepenthes, la trappola per gli insetti

Nepenthes contro gli insetti

Infine, uno sguardo anche a una pianta davvero originale e insolita, adatta per gli appassionati di orto più creativi. La Nepenthes è una pianta carnivora di origine vegetale, che si caratterizza per delle singolari trappole a forma di anfora, ricolme di liquido. Gli insetti, attratti dal suo vischioso nettare zuccherino, cadono all’interno di queste bocche e non riescono più a uscirne.

Ama una buona esposizione solare e un caldo sostenuto, data la sua natura tropicale, di conseguenza è adatta per gli orti estivi, con temperature medie non inferiori ai 20 gradi.

Post correlati