Alimentazione per la cistite: consigli per il tuo benessere

da | Mag 27, 2024 | alimentazione, vivere green | 0 commenti

Almeno una volta, e probabilmente in estate, ti sarà capitato di soffrire di cistite, un’infiammazione della vescica urinaria che può causare dolore, bruciore e frequente bisogno di urinare. Esistono trattamenti medici specifici per la cistite, ma anche l’alimentazione può giocare un ruolo significativo nel gestire e alleviare i sintomi.

Scopriamo insieme quindi cosa mangiare con la cistite, quali alimenti invece evitare e altri consigli utili per prevenire questa condizione.

Cos’è la cistite e perché si manifesta

Prima di iniziare, capiamo meglio di cosa si tratta.

La cistite è un’infiammazione della vescica urinaria, generalmente causata da un’infezione batterica. I batteri più comuni responsabili della cistite sono quelli del genere Escherichia coli, normalmente presenti nell’intestino. Quando questi batteri entrano nell’uretra e si moltiplicano nella vescica, si verifica l’infezione.

Esistono però diversi tipi di cistite. La cistite batterica acuta è la forma più comune e si manifesta rapidamente con sintomi evidenti. La cistite batterica ricorrente si presenta quando una persona ha episodi ripetuti di cistite in un breve periodo. Quella interstiziale, anche nota come sindrome del dolore vescicale, è una condizione cronica non causata da un’infezione batterica, ma da fattori come problemi del rivestimento della vescica o disfunzioni del pavimento pelvico. La cistite post-coitale si verifica dopo rapporti sessuali, spesso dovuta a traumi meccanici che facilitano l’ingresso dei batteri nell’uretra.

Anche le cause della cistite possono variare. Non esclusivamente infezioni batteriche: fattori come l’uso di cateteri urinari, alcune terapie farmacologiche, radiazioni durante trattamenti oncologici, prodotti chimici irritanti come spermicidi e saponi, e condizioni mediche sottostanti come il diabete possono aumentare il rischio di sviluppare questo disturbo. Anche le variazioni anatomiche e fisiologiche, come l’uretra più corta nell’apparato urinario femminile, possono contribuire alla maggiore incidenza di cistite nelle donne rispetto agli uomini.

Tra i sintomi principali rientrando il bisogno frequente e urgente di urinare, la sensazione di bruciore durante la minzione, la presenza di sangue nelle urine (ematuria), dolore o pressione nella zona pelvica e urine torbide o maleodoranti, a volte una leggera febbre. È importante riconoscere questi sintomi per poter intervenire tempestivamente con un trattamento adeguato e prevenire complicazioni come l’infezione renale.

Cosa mangiare con la cistite

L’alimentazione gioca un ruolo importante nella prevenzione e nel trattamento della cistite. Può essere particolarmente utile infatti, soprattutto se si è soggetti frequentemente a questo genere di disturbo, consumare alimenti che promuovono un ambiente urinario sano. Un’alimentazione appropriata può contribuire a mantenere l’urina meno acida, ridurre l’infiammazione e supportare il sistema immunitario.

Di seguito trovi un elenco di alimenti che possono aiutare a prevenire queste condizioni e gestirne i sintomi: ecco cosa consumare con la cistite.

  • Acqua. Sembra un consiglio ovvio ma non lo è. Bere molta acqua aiuta a diluire le urine e a favorire l’eliminazione dei batteri dalla vescica. Un’adeguata idratazione è essenziale per mantenere la vescica sana e ridurre l’irritazione.
  • Tisane. In particolar modo quelle a base di camomilla e malva hanno proprietà lenitive e anti-infiammatorie. Possono aiutare a ridurre l’infiammazione e a calmare la vescica irritata.
  • Frutti di bosco. Mirtilli, lamponi e fragole contengono composti che impediscono ai batteri di aderire alle pareti della vescica. I mirtilli, in particolare i mirtilli rossi, sono noti per contenere proantocianidine di tipo A (PACs). Questi composti impediscono ai batteri, soprattutto l’Escherichia coli, di aderire alle pareti della vescica e dell’uretra. Questo impedisce la colonizzazione e la proliferazione dei batteri. I lamponi contengono ellagitannini, che si trasformano in acido ellagico nel corpo. L’acido ellagico ha proprietà antimicrobiche e antinfiammatorie, che possono aiutare a ridurre l’infiammazione della vescica e prevenire le infezioni. Inoltre, sono ricchi di vitamina C, che acidifica leggermente le urine, creando un ambiente meno favorevole per la crescita dei batteri. Anche le fragole sono ricche di vitamina C, insieme ad antiossidanti come i polifenoli, tra cui le antocianine, con le loro proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.
  • Verdure a basso contenuto di acidità. Cetrioli, zucchine e patate dolci non irritano la vescica e forniscono nutrienti essenziali. Queste verdure aiutano a mantenere l’urina meno acida e riducono l’infiammazione.
  • Yogurt naturale. Lo yogurt contiene probiotici, ovvero batteri benefici che possono aiutare a mantenere un equilibrio sano della flora batterica intestinale e vaginale. I ceppi di Lactobacillus presenti nello yogurt sono particolarmente efficaci nel prevenire la proliferazione di batteri nocivi come l’Escherichia coli. Un buon equilibrio della flora batterica è essenziale per prevenire le infezioni del tratto urinario: i probiotici rafforzano la barriera contro i batteri patogeni, riducendo la probabilità che questi batteri si spostino dall’intestino all’uretra e alla vescica. Lo yogurt è anche una fonte di nutrienti come le vitamine B e D, che supportano il sistema immunitario, fondamentale per combattere le infezioni e prevenire condizioni come la cistite.
  • Semi di zucca. Ricchi di magnesio, un minerale che supporta la funzione della vescica e riduce l’infiammazione.
  • Cibi ricchi di fibre. Alimenti come cereali integrali, frutta e verdura aiutano a mantenere regolari i movimenti intestinali, prevenendo la stitichezza che può esercitare pressione sulla vescica. Una buona funzione intestinale contribuisce a ridurre il rischio di infezioni urinarie.

Cosa non mangiare con la cistite

Quando si soffre di cistite, alcuni alimenti possono aggravare i sintomi e prolungare il disagio. È importante sapere quali cibi evitare e come sostituirli per non irritare ulteriormente la vescica.

Ecco un elenco di alimenti da evitare.

  1. Cibi piccanti e speziati. I cibi piccanti, come peperoncino, curry e pepe nero, possono irritare la mucosa della vescica, peggiorando i sintomi della cistite. Utilizza piuttosto erbe aromatiche come basilico, prezzemolo e timo per insaporire i piatti senza provocare irritazione.
  2. Bevande contenenti caffeina. Caffè, tè nero, tè verde e bevande energetiche contengono caffeina, che è un diuretico e può aumentare la frequenza della minzione e l’irritazione della vescica. Opta per tisane alle erbe, acqua naturale o caffè decaffeinati.
  3. Alcol. Anche l’alcol è un irritante della vescica e un diuretico, il che può aggravare i sintomi della cistite. Scegli bevande analcoliche come acqua con limone, tisane o succhi di frutta diluiti.
  4. Dolcificanti artificiali. Alcuni dolcificanti artificiali, come aspartame e saccarina, possono irritare la vescica. Utilizza piuttosto piccole quantità di miele o zucchero di canna per dolcificare cibi e bevande.
  5. Cibi contenenti spezie artificiali e additivi. Prodotti industriali spesso contengono additivi e conservanti particolarmente irritanti in caso di infiammazione. Opta per cibi freschi e naturali, evitando prodotti confezionati con ingredienti artificiali.

Altre raccomandazioni per prevenire la cistite

Per un piano nutrizionale bilanciato e modellato sulle tue esigenze, rivolgiti sempre a un medico o a un nutrizionista: le informazioni che trovi qui sono solo indicative e potrebbero non essere sufficienti a scongiurare l’infezione. Si tratta comunque di alcuni accorgimenti che puoi applicare insieme ad altre buone abitudini e che ti aiuteranno a prevenire la cistite.

Mantenere un’igiene personale adeguata è fondamentale. Lavarsi regolarmente con acqua e sapone neutro aiuta a rimuovere i batteri dalla zona genitale. Dopo aver usato il bagno, pulirsi sempre dalla parte anteriore a quella posteriore per evitare che i batteri dell’area rettale entrino in contatto con l’uretra.

Importante anche quello che si indossa: la biancheria intima di cotone e abiti larghi aiutano a mantenere la zona genitale asciutta e ventilata, riducendo la crescita batterica. Anche evitare l’uso prolungato di indumenti troppo stretti può prevenire l’irritazione.

Anche urinare regolarmente e non trattenere l’urina per lunghi periodi è importante per svuotare la vescica e ridurre il rischio di infezioni. Allo stesso modo, anche bere acqua frequentemente favorisce la diuresi e l’eliminazione dei batteri.

Dopo i rapporti sessuali, inoltre, è consigliabile urinare per eliminare eventuali batteri entrati nell’uretra, oltre a evitare l’uso di prodotti irritanti come saponi profumati, spray per l’igiene intima e bagnoschiuma troppo aggressivi può prevenire irritazioni.

Infine, è utile mantenere un sistema immunitario forte. Dormire a sufficienza, gestire lo stress e fare attività fisica regolare supportano la salute generale e aiutano il corpo a combattere le infezioni.

Conclusione

Per prevenire e gestire la cistite, è importante adottare una dieta adeguata e seguire alcune buone abitudini.

Acqua, tisane, frutti di bosco, verdure a basso contenuto di acidità, yogurt naturale, semi di zucca e cibi ricchi di fibre può aiutarti a ridurre i sintomi e mantenere la vescica sana; dovresti invece assolutamente evitare cibi piccanti, bevande contenenti caffeina, alcol, agrumi, dolcificanti artificiali e cibi con spezie artificiali e additivi per gestire meglio i sintomi quando hai già un’infiammazione in corso.

Oltre all’alimentazione, mantenere una buona igiene personale, indossare biancheria intima adeguata, urinare regolarmente, bere molta acqua e mantenere un sistema immunitario forte sono abitudini utili per prevenire la cistite. Consulta un medico o un nutrizionista per un piano alimentare personalizzato adatto a te.

Tag: dieta | salute

Post correlati