Primavera ambientale

da | Feb 22, 2023 | I consigli di managaia.eco | 0 commenti

L’ultima rivoluzione per salvare la vita umana sulla Terra

Con quali mappe navigare nella tempesta del mondo di oggi? Con le mappe tattili modellate nel legno degli Inuit della Groenlandia o con le carte nautiche di bastoncini e conchiglie delle Isole Marshall? Di quali strumenti disponiamo per attraversare e (forse) uscire dalla crisi climatica?

È a queste domande che Ferdinando Cotugno, giornalista specializzato in questioni climatiche, ambiente ed ecologia, tenta di rispondere. E lo fa analizzando un fenomeno politico globale che sta emergendo potentemente e prepotentemente: l’attivismo climatico.

«Questo radicale senso di urgenza è un immenso valore politico» scrive Cotugno, ripercorrendo la storia dei movimenti ambientalisti e mostrando come «il clima è diventato la piattaforma di ogni cambiamento possibile», al di là degli schieramenti politici, dei partiti, delle singole nazioni, dei continenti stessi. È l’umanità intera che si gioca il suo futuro sulla Terra. Analizzando nuove alleanze inaspettate, intrecci di lotte trasversali, Cotugno racconta un mondo in ebollizione, e non soltanto per l’aumento delle temperature del globo. Con la passione e la competenza di chi quelle lotte le sta vivendo, Cotugno racconta il suo personale coinvolgimento nel movimento, quella «primavera ambientale» del titolo, «una sollevazione globale contro l’estinzione, per trasformare il capitale culturale degli ultimi cinque anni in capitale politico».

Una sfida decisiva contro l’inerzia del sistema che ha portato al disastro, una sollevazione collettiva che si nutre di rabbia, paura ma anche di gioia.

Un libro che incoraggia alla rinascita.

Ferdinando Cotugno

Il Margine, 2022

13,00 euro

Post correlati

Ecco perché dovremmo essere tutti femministi

Ecco perché dovremmo essere tutti femministi

Chimamanda Ngozi Adichie spiega il femminismo come uguaglianza politica, sociale ed economica tra uomini e donne, sottolineando l’importanza di dichiararsi femministi per una società equa.