Le 10 migliori città italiane da girare in bici

da | Giu 6, 2023 | estate, mobilità sostenibile, turismo sostenibile, viaggiare green | 155 commenti

Quali sono le migliori città italiane da scoprire in sella a una bicicletta?

Per esplorare le città in modo green e sostenibile, la bici è sicuramente un’ottima alleata: fenomeno in crescita, si sente parlare sempre di più di cicloturismo. Si tratta di un modo diverso di concepire il turismo, più lento e sostenibile, che nasce da una maggiore sensibilità ambientale, una spiccata attenzione al benessere, una gestione migliore delle piste ciclabili e anche grazie agli incentivi alla mobilità leggera.

Rimane fondamentale, per cicloturisti più o meno esperti, che le infrastrutture siano adeguate e che ci siano servizi di bike parking e bike sharing efficienti. I centri urbani della nostra classifica hanno tutti i requisiti richiesti per una vacanza bike friendly: scopri le dieci migliori città italiane per girare in bici che abbiamo selezionato per te.

10° posto. Padova

Con 150 km di piste ciclabili, Padova è una delle città migliori da scoprire in bicicletta.

Grazie ai molti servizi di bike sharing, i turisti possono noleggiare facilmente una bici, il mezzo migliore per esplorare la città: infatti, grazie una pista ciclabile che circonda il centro storico, in poco più di mezz’ora, è possibile muoversi facilmente in tutta la città e visitare le numerose attrazioni culturali.

Non solo: la bici è il mezzo migliore anche per scoprire la natura nei dintorni della città. Molti sono gli itinerari che collegano Padova agli altri comuni della provincia della splendida campagna veneta.

9° posto. Bologna

Città universitaria, vivace e bike-friendly, Bologna ha una rete ciclabile che si divide in dodici itinerari, che collegano i vari punti di interesse e che sono dotati di una segnaletica utile per orientarsi facilmente negli spostamenti. In particolare, nel centro storico, sono collocati dei pannelli che suggeriscono gli itinerari più adatti alle varie esigenze dei ciclisti, dando sempre maggior rilievo alle strade meno trafficate.

Tante anche le piste ciclabili che da Bologna si diramano lungo la pianura e i fondivalle, costeggiando i corsi d’acqua e attraversando il centro urbano.

8° posto. Parma

La bicicletta è un ottimo mezzo per conoscere la città di Parma e le sue principali attrazioni.

A partire dalla stazione, dove si possono noleggiare le bici, la rete di piste ciclabili permette di esplorare molto facilmente la città, costeggiando quasi tutte le strade cittadine e permettendo così ai ciclisti di muoversi in sicurezza.

In provincia, è possibile pedalare per i vari itinerari, su strade a basso traffico o piste ciclabili. Una gita da fare in bici partendo da Parma è quella al Castello di Torrechiara, di età tardo medioevale: un percorso non troppo complesso, pianeggiante e lungo 36 km. Un altro giro interessante è quello dell’Anello delle Terre Verdiane, che attraversa le piste ciclabili di diversi comuni, tra cui anche quella di Busseto, la città natale di Giuseppe Verdi.

7° posto. Pisa

Per fare i turisti a Pisa, il modo migliore per spostarsi è senza dubbio la bici. Ottimo il servizio di bike sharing, enorme la ZTL che circonda il centro e che permette ai ciclisti di muoversi in tranquillità.

Girare Pisa in bici non richiede un particolare allenamento e i centri informazione sono molto utili per aiutarvi a scegliere l’itinerario migliore.

6° posto. Treviso

Con 80 km di piste ciclabili, di cui 69 urbane e 10 cicloturistiche, Treviso è una città facilmente adatta al turismo in bici.

Non solo nel centro storico, diverse piste collegano la provincia alla città. Totalmente pianeggiante e percorribile tutto l’anno, la Ciclabile del Sile è per molti l’itinerario più bello da percorrere in bici nel Veneto: il percorso di 65 km parte da Treviso e arriva a Venezia passando per Jesolo.

5° posto. Ravenna

Bellissima città d’arte, tra il mare e le colline, Ravenna incanta i suoi visitatori con la sua storia millenaria.

Un centro storico di piccole dimensioni, ideale per gli spostamenti in bici per conoscere musei e monumenti pedalando tra le strade.

Gli itinerari in collina, con la vista su vigne e frutteti, raggiugono anche i territori della provincia. Ideali per la mountain bike e per i più esperti, gli emozionanti percorsi nel Parco della Vena del Gesso.

4° posto. Verona

Occorrono un paio di ore per visitare in bici la splendida città di Verona: dalle piazze principali ai monumenti più antichi, la rete di piste ciclabili permette di esplorare facilmente la città e tutti i siti principali, compresa l’Arena.

Esplorare in bici questa perla nel Veneto è un’ottima soluzione per conoscerla meglio, con le sue decine di attrazioni anche per i cicloturisti meno esperti, da un centro storico di eccellenza alla natura della provincia.

3° posto. Trento

Raggiungiamo il podio con Trento.

Ottima meta per i ciclisti, Trento è una città italiana dotata di un’efficiente infrastruttura ciclabile: ampie piste ciclabili che collegano le varie zone della città e i dintorni e un buon servizio di bike sharing. In generale, il Trentino è una regione in cui la bicicletta è quasi uno stile di vita, più che uno sport, con i suoi 400 km di ciclabili, bike park in tutto il territorio e vari itinerari tra boschi, laghi e montagne.

Per tornare alla città, Trento si presta benissimo a essere esplorata in sella a una bici, da Piazza Duomo al Castello del Buonconsiglio, al MUSE, il Museo delle Scienze.

Vi segnaliamo la Pista ciclabile della Vallagarina, che parte da Trento in direzione Verona, costeggia il fiume Adige e raggiunge Rovereto: da lì è possibile deviare e arrivare al Lago di Garda.

2° posto. Bolzano

Tra le città più vivibili in Italia, Bolzano vanta moltissime piste ciclabili grazie alle quali visitare la città e i suoi dintorni. Per la precisione, parliamo di 76 km di piste ciclabili, circa 0,71 metri per abitante.

La meta ideale per il cicloturista che non intende fermarsi solo alla città ma vuole esplorare anche la natura: collocata in una bellissima regione montuosa, Bolzano è caratterizzata anche da numerosi spazi verdi, mentre nella provincia, proprio grazie alla rete di piste ciclabili è perfetta per chi vuole ammirare suggestivi panorami tra boschi, vigneti e casolari di montagna e fare qualche sosta per gustare vini e prodotti locali.

Una pista in particolare, la ciclabile che collega Bolzano a Merano, conta ben 270 km e passa anche per Bressanone, Brunico e Vipiteno.

1° posto. Ferrara

La Città delle Biciclette: Ferrara si piazza in cima a questa classifica per le moltissime piste ciclabili, le strade a traffico limitato e un centro storico visitabile tranquillamente sulle due ruote.

Con il suo centro storico meraviglioso, pieno di piazze e architetture rinascimentali che rendono Ferrara Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, la città è bike friendly dal 1908, data in cui fu realizzata la sua prima ciclabile.

Con 150 km di piste ciclabili – praticamente 1,14 m di pista ciclabile per abitante – Ferrara promuove una mobilità assolutamente sostenibile, con i tanti punti di bike sharing al servizio di cittadini e turisti. Almeno un terzo dei cittadini infatti si sposta in bici e per i turisti vengono organizzati eventi e riservati itinerari per esplorare la città e i dintorni.

Da non perdere, la pista ciclabile che collega il centro della città a Porta degli Angeli: 9 km in cui potrete ammirare Corso Ercole I d’Este e le mura che circondano Ferrara.

Post correlati

Idrokinesiterapia: la terapia naturale per il benessere del corpo

Idrokinesiterapia: la terapia naturale per il benessere del corpo

L’idrokinesiterapia è una forma di fisioterapia che utilizza l’acqua come mezzo per eseguire esercizi e movimenti. È particolarmente adatta per coloro che cercano di recuperare da lesioni, interventi chirurgici o condizioni croniche che limitano il movimento.