Sogni un viaggio in camper? Ecco la guida che aspettavi!

da | Lug 4, 2023 | estate, turismo sostenibile, viaggiare green | 0 commenti

Il viaggio in camper ha un fascino tutto suo. Poter esplorare nuovi luoghi e godersi al meglio una vacanza lenta, nella quale non c’è alcuna fretta di giungere in hotel perché si dorme su quattro ruote, è una dimensione sconosciuta ai più. Eppure un periodo di ferie in questo modo sa essere straordinariamente appagante in quanto ti consente di goderti le giornate al tuo ritmo, diverte moltissimo i bambini e, diversamente da quanto qualcuno possa credere, impatta meno sull’ambiente, come conferma uno studio dell’Università di Pisa.

Nelle righe sottostanti, abbiamo raccolto alcuni consigli per te che sogni da tempo un viaggio in camper ma non sei mai passato all’azione!

Viaggio in camper, una vera e propria filosofia

Attenzione a non considerare il camper soltanto come un’alternativa più comoda, o economica, alla tradizionale vacanza in automobile e albergo. In realtà, l’esperienza vissuta è ben più di questo. Si tratta di entrare in una dimensione vacanziera diversa, nella quale godere della più totale libertà di movimento, della gioia della vita all’aria aperta e del rispetto per il territorio e l’ambiente circostanti.

Hai acquistato un camper perché desideri renderlo tempio di tutte le tue future vacanze? Ti sei limitato a noleggiarlo per un paio di settimane al fine di provare l’esperienza? Non fa differenza, qualunque sia la ragione ti senti evidentemente uno spirito libero e la filosofia della villeggiatura mobile ti ha conquistato. Se è la prima volta che intraprendi un viaggio in camper, prendi nota del nostro decalogo!

Dieci consigli per un perfetto viaggio in camper

Partire all’avventura in camper può apparire difficile per chi è alle prime armi. Per tal motivo, è bene memorizzare i dieci comandamenti del viaggio in camper, che abbiamo riportato qui sotto per affiancare ogni turista all’inizio della propria avventura a bordo di una casa a quattro ruote.

  • Scegli il camper più adatto alle tue esigenze. Suggerimento che non ha bisogno di tante spiegazioni. Ogni mezzo si caratterizza in maniera diversa, attraverso peculiarità e comfort propri. Tieni a mente quale tipologia di percorso affronterai e quante persone verranno in vacanza con te prima di decidere quale veicolo sarà il tuo compagno di viaggio.
  • Completato il punto numero 1, prendi confidenza con il veicolo, in modo da essere in grado di condurlo senza alcun problema quando partirai per le vacanze con i tuoi cari. Un viaggio in camper, specie su strade strette o impervie, può diventare tutt’altro che rilassante se non si ha la sicurezza necessaria alla guida. Non c’è però nulla di cui preoccuparsi, basterà mettersi al volante con dedizione precedentemente alla partenza per scongiurare tale evenienza.
  • È sempre bene pianificare con cura i tuoi spostamenti: studia l’itinerario, accertandoti di controllare e appuntare la posizione di tutte le aree di sosta attrezzate collocate nelle vicinanze delle mete che desideri visitare. Così facendo, saprai dove fermarti a riposare.
  • Così come è importante conoscere i luoghi dove fermarsi, occorre anche farsi un’idea, prima della partenza, di quanto si andrà a spendere. Considera ogni costo in cui incorrerai: carburante, acqua, campeggi, pedaggio autostradale… Difficilmente riuscirai a spaccare il centesimo, e non è escluso il rischio di spese extra, ma questa operazione preliminare ti darà un’idea – attendibile – di quanto ti occorrerà per sostenere il tuo viaggio in camper.
  • Raccogli tutte le informazioni necessarie. Decidi prima di partire dove dormire e non esitare a documentarti su quali servizi siano offerti nelle aree attrezzate e nei campeggi dove trascorrerai le notti.
  • Studia bene il tragitto e non lasciarti cogliere impreparato, o impreparata. Questo consiglio dovrebbe essere scontato ma ricordiamolo comunque: quando viaggi non contare solo sulle indicazioni stradali, bensì porta sempre con te una cartina o un navigatore satellitare. Puoi fidarti anche di quelli facilmente scaricabili su smartphone, ormai diffusissimi.
  • Limita il tuo bagaglio al minimo indispensabile ma non partire sottoequipaggiato: tieni sempre in considerazione il meteo e considera il clima delle località che visiterai. Quando diciamo che partire per un viaggio in camper è come mettere la propria casa su ruote, lo intendiamo in senso figurato: il retro del veicolo deve essere quanto più arioso e vivibile possibile, non certo colmo di valigie.
  • Scegli cibi adatti al viaggio e non portare con te alimenti deperibili, per non correre il rischio di doverli gettar via, sprecando del cibo prezioso. Inoltre, consuma specialità gastronomiche locali e tipicità dei luoghi che visiterai: in tal maniera arricchirai la tua cultura in maniera gustosa e contribuirai allo sviluppo economico di tali aree.
  • Il camper è un mezzo e, come tale, può incappare in sfortunati guasti. Non trascurare la sua manutenzione e rivolgiti a un meccanico per ogni problematica, proprio come fai con la tua automobile. Inoltre, porta con te cavi di alimentazione e cunei di livellamento, così non metterai a rischio la villeggiatura per piccole complicazioni tecniche facilmente risolvibili in autonomia.
  • Similmente a quanto appena detto, non dimenticare una cassetta di primo soccorso contenente farmaci di base e materiali per piccole riparazioni. Ti servirà per ovviare a contusioni e altri lievi traumi che possono capitare quando si è in escursione.

Parti per la tua avventura

Se terrai a mente questo semplice decalogo (che puoi anche portare con te come promemoria) potrai goderti al meglio il tuo primo viaggio in camper – ma anche il secondo, il terzo e così via…

Rispettando questi accorgimenti viaggerai in maggiore sicurezza, sarai più tranquillo e ne guadagneranno sia la tua esperienza che quella della tua famiglia, o dei tuoi cari che partiranno assieme a te. Un viaggio in camper ti introdurrà a una nuova dimensione della vacanza, lenta ed esplorativa, e ti insegnerà a godere appieno anche del trasferimento, non solo della meta.

Questo veicolo è un compagno straordinario. Rappresenta la cristallizzazione della filosofia cara a pensatori e intellettuali che teorizzarono, nella seconda metà del Novecento, come il nomadismo fosse lo stato più congeniale all’uomo, l’esperienza nella quale esso si esprime al meglio. Massimo esponente di questa corrente fu lo scrittore britannico Bruce Chatwin, secondo il quale la vita è un viaggio da compiere a piedi. Sicuramente, non avrebbe disdegnato intraprenderlo a bordo di un camper, questo lungo e ricco viaggio.

Post correlati