Si sono fatti notare per la scritta gigante in piazza San Carlo a Torino – «Ti amo ancora» – in occasione dell’uscita, nell’aprile scorso, del singolo Terra, dichiarazione d’amore molto esplicita al nostro povero Pianeta malridotto.

Questi quattro ragazzi torinesi, nati come artisti di strada e di balere, in modo allegro e scanzonato portano avanti un discorso ecologista piuttosto serio, un album dopo l’altro, una canzone dopo l’altra.

Hanno ad esempio organizzato un crowdfunding chiamato come la canzone Lettera al prossimo, confluita nell’album Altrove (2018) per ripiantare una parte della foresta distrutta dalla tempesta Vaia.

Eugenio in Via Di Gioia, da ascoltare senza moderazione per combattere l’eco-ansia.

Puoi ascoltare Terra degli Eugenio in Via Di Gioia qui.

Post correlati

Ecco perché dovremmo essere tutti femministi

Ecco perché dovremmo essere tutti femministi

Chimamanda Ngozi Adichie spiega il femminismo come uguaglianza politica, sociale ed economica tra uomini e donne, sottolineando l’importanza di dichiararsi femministi per una società equa.